Il debutto discografico degli Small Jackets risale a Marzo del 2004, con l’acclamatissimo “Play at High Level” che riceve ottimi giudizi e recensioni da parte delle principali riviste di settore come: Rumore, Mucchio selvaggio, Rocksound, All Music, Rockstar, Music lava, Stonerrock, etc. E’ stato anche eletto a “Prima Scelta” su Rockit, generando curiosità sia da parte del pubblico che della critica. Questo il punto di partenza per una lunga serie di concerti indimenticabili per qualità e potenza, in cui gli Small Jackets condividono il palco con alcune fra le più importanti band della scena rock and roll internazionale come The Hellacopters, The Lords of Altamonts, Black Rebel Motorcycle Club, Hardcore Superstars, Dollhouse, Division of Laura Lee, Adolescent, White Flag, Imperial State Electric, e tante altre. “Walking the boogie” è il titolo del secondo album della band, pubblicato nel 2006. Nick Royale e Robert, vantante e chitarrista degli Hellacopters registrano parti di chitarra e solo per la canzone “Forever night”. Il terzo disco degli Small Jackets arriva nel marzo del 2009 – pubblicato dalla Godown Records – e si intitola “Cheap Tequila”. E’ stato prodotto in Svezia da Chips K (Sator) e Henryk Lipp, gli stessi ingegneri del suono / produttori che hanno letteralmente inventato il suono di band del calibro di Hellacopters, The Nomads, Sator, Millencolin. Il 10 Aprile 2013 è appena uscito il nuovo disco della band intitolato “IV”, – pubblicato in collaborazione con la label svedese Transubstans records – con esso la band si prepara a promuovere il nuovo album con un’incessante attivita’ live che li sta portando al di fuori dei confini dello stivale!

 

Website: www.smalljackets.com

Facebook: www.facebook.com/SmallJackets

 

 

I Black Soul Golden Reunion sono nati come dovrebbero nascere tutte le canzoni, tra una birra e una sigaretta in sala prove; tra una risata e un insulto.

In apertura, The Line, subisce sicuramente l’influsso funkeggiante della voce principale, così come anche Mad e No Chorus, ne rivelano le radici ben salde nella musica soul e rock blues. Keep it Dark nasconde un retrogusto metal inaspettato, ma portato alla luce dagli ascolti e dal background dei chitarristi. Il testo si rifà ad un aneddoto legato ad una storia adolescenziale di Keith Richards.

La canzone scelta come singolo, Goldfall, lascia sicuramente trasparire un amore sconsiderato per i Led Zeppelin mentre The end’s theme e Heavy sono brani che maggiormente subiscono l’influenza hard rock, comune a tutta la band. (Black Crowes)

L’unica cover scelta per il disco è Everybody get up, scritta dai Bellrays (Kekaula/Vennum), negli ultimi anni forse la fonte più importante di ispirazione per la band: I Bellrays. Nell’insieme il suono di Black Soul Golden Reunion può definirsi un mélange di funk e hard rock, punk e condito da una voce femminile che proviene dal soul. Ascoltateli ad alto volume!

LINE UP

Laura Rosetti – vocals

Enrico Beccari – drums

Pippo Marino – bass guitar

Davide Mazzotti – guitar

Mauro Natali – guitar

Website: http://blacksoulgr.wix.com/bsgr#!about/cs57

Facebook: www.facebook.com/BlackSoulGoldenReunion

 

 

Share